Per una corretta gestione della temperatura di refrigerazione è consigliabile adottare alcuni accorgimenti, quali:

  • Non lasciare per lungo tempo i prodotti a temperatura ambiente;
  • Mantenere sollevati i prodotti da terra;
  • Garantire che la catena del freddo venga mantenuta in modo rigido;
  • Rispettare la separazione merceologica consigliata;
  • Tener conto della capacità della cella refrigerante, e quindi non ammassare gli alimenti;
  • Svuotare e pulire periodicamente celle e frigoriferi;
  • Non introdurre alimenti caldi nelle celle, in quanto si potrebbero formare condensa, muffe e batteri, ecc...;
  • Utilizzare e cuocere un alimento scongelato entro 24 ore;
  • Non ricongelare un alimento scongelato.

Congelare la frutta

A differenza di altri cibi, la frutta deve essere congelata fresca e completamente matura. Per garantire una lunga e buona conservazione ma anche per lasciare inalterato il colore, è bene impacchettare la maggior parte della frutta ricoperta di zucchero o di sciroppo, a seconda dell’uso che destinato dopo lo scongelamento. La frutta inoltre mantiene inalterato il colore se la si immerge nel succo di limone prima di ricoprirla di zucchero.
Nella tabella seguente alcuni esempi di congelamento di frutta

ESEMPI CONGELAMENTO DI FRUTTA
Prodotto Durata di conservazione Preparazione
Albicocche e pesche Fino a 12 mesi Lavare, togliere il nocciolo, tagliare a pezzi, coprire con lo sciroppo al 40% e succo di limone
Fragole e ciliegie Fino a 12 mesi Lavare, togliere il picciolo, coprire di zucchero (o di sciroppo al 30% per le ciliegie)
Melone Fino a 12 mesi Sbucciare, tagliare a fette, togliere i semi e gli scarti, coprire di sciroppo al 30% e di succo di limone
Uva Fino a 12 mesi Separare gli acini dal graspo, lavare e asciugare, coprire di sciroppo al 30%

Come decongelare gli alimenti

  • Prodotti da consumare crudi: la decongelazione prevede di disporre il prodotto nel frigorifero per un periodo che dipende dal tipo e della dimensione del prodotto stesso Così facendo si evita che la parte esterna del prodotto si scongeli prima di quella interna, in modo da evitare conseguenze spiacevoli sull’aspetto e sulla consistenza del prodotto stesso.
  • Prodotti di piccolo taglio o lieve spessore: per questi prodotti non è necessario il decongelamento; essi infatti possono essere collocati direttamente nel luogo di cottura.
  • Prodotti di grosso spessore da cuocere a fuoco lento: nemmeno per questi prodotti è necessario il decongelamento: il tempo di cottura infatti è lungo e la temperatura è tale per cui la decongelazione avviene da sé.
  • Prodotti di grosso spessore da cuocere a fuoco violento: per questi prodotti è consigliabile procedere con una decongelazione a temperatura ambiente, oppure in un ambiente leggermente riscaldato (come ad esempio bagnomaria o forno tiepido), senza però toglierli dall’imballo ermetico fino a che non saranno completamente decongelati.